POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 17 Marzo 2016

La situazione economica di molti professionisti preoccupa l’OUA

Con un comunicato stampa, pubblicato sul proprio sito istituzionale il 17 marzo 2016, l’Organismo Unitario dell’Avvocatura (OUA) ha invitato le realtà dell’associazionismo forense ad un confronto sulle difficoltà economiche della categoria, con particolare riferimento a donne e giovani. L’organismo rappresentativo ha ricordato che l’Assemblea OUA, che si terrà in data 8 aprile 2016, potrà fungere da occasione di dialogo.

«La giustizia italiana è ancora un cantiere aperto». Con un comunicato stampa del 17 marzo 2016, il Presidente dell’OUA, Mirella Casiello, ha ricordato i dati emersi dal Rapporto sullo Stato dell’Avvocatura italiana, elaborato dal CENSIS in collaborazione con Cassa Forense; il numero uno dell’OUA ha sottolineato, in particolare, la difficile condizione economica dei professionisti italiani, evidenziando che «la giustizia italiana è ancora un cantiere aperto, tra provvedimenti varati e altri in itinere, ma all’appello mancano intanto risorse e personale, ma soprattutto la prospettiva di una riforma complessiva del settore».
La Casiello ha precisato che dalla base dell’Avvocatura sono numerose le sollecitazioni ad un cambiamento e che le proposte devono «avere come luogo naturale di confronto democratico, e sintesi quando possibile, il Congresso Nazionale e, quindi, l’Organismo Unitario dell’Avvocatura».