Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 agosto 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 01 Marzo 2016

Ultimi aggiornamenti con la newsletter del CNF

Con la newsletter n. 290 dell’1 marzo 2016, il Consiglio Nazionale Forense (CNF) ha reso note le sue ultime attività, tra cui l’approvazione del programma di formazione per i nuovi componenti dei Consigli Giudiziari e i referenti dei Consigli degli Ordini. Novità anche in relazione al Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno.

Approvazione di un programma di formazione. Con la newsletter n. 290/2016, pubblicata sul sito istituzionale del CNF, l’Organismo ha reso noto che, lo scorso venerdì, il gruppo di lavoro, nato per iniziativa della Commissione CNF per i rapporti con il CSM e i Consigli Giudiziari, ha elaborato ed approvato il programma di formazione destinato ai componenti nominati per il quadriennio 2016 – 2020 e per i consiglieri referenti dei Consigli degli Ordini.
La Commissione di cui sopra sta raccogliendo i dati relativi al quadriennio appena trascorso e provvederà all’aggiornamento del Vademecum CNF sui Consigli Giudiziari.

Individuazione di Tribunali pilota. La Commissione CNF per il diritto di famiglia, con una nota inviata lo scorso venerdì, ha chiesto ai Consigli degli Ordini forensi di provvedere a segnalare i dati connessi alle delibere di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, prestando particolare attenzione ai procedimenti aventi ad oggetto separazione, divorzio e accordi in materia di omesso versamento del mantenimento.
La finalità del monitoraggio richiesto dal CNF è quella di individuare le sedi giudiziarie che possono essere (destinate dal Ministero della Giustizia) utilizzate come Tribunali pilota per una prima applicazione del Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno, al quale non sia stato corrisposto l’assegno di mantenimento previsto dalla Legge di Stabilità 2016.