POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 16 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

anticorruzione | 24 Novembre 2015

Il CNF adempie gli oneri in materia di anticorruzione e trasparenza

Il Consiglio Nazionale Forense, in ottemperanza a quanto statuito con la sentenza n. 11392/15 del Tar Lazio, ha adottato un modello di piano triennale della prevenzione della corruzione, un utile strumento, anche per i Consigli dell’Ordine, ai fini dell’attuazione del dettato normativo.

Piano della prevenzione della corruzione. In ottemperanza a quanto statuito con la sentenza n. 11392/15 del Tar Lazio (sentenza oggetto di impugnazione davanti al Consiglio di Stato), il CNF ha adottato un modello di piano triennale integrato, fornendo quello che può essere uno strumento utile ai fini dell’attuazione del dettato normativo anche per i Consigli dell’Ordine. Tutto ciò, pur non condividendo l’applicazione della normativa ad organismi diversi da quelli prettamente politico-amministrativi.

Tale piano, afferma il Presidente Mascherin nella circolare n. 12 del 20 novembre divulgativa di tale adempimento, è stato elaborato tenendo in considerazione le peculiarità che caratterizzano la categoria forense e gli organismi rappresentativi della stessa.