POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

rinuncia al mandato | 03 Giugno 2013

Il mandato professionale viene meno istantaneamente al momento della comunicazione al cliente della rinuncia da parte del difensore

di Stefano Calvetti - Avvocato

Il difensore che rinuncia al mandato, mentre conserva sino alla sua sostituzione la legittimazione a ricevere gli atti indirizzati dalla controparte al suo assistito, non è più legittimato a compiere atti nell’interesse del mandante, atteso che la rinuncia ha pieno effetto tra il cliente ed il difensore e determina il venir meno del rapporto di prestazione d’opera intellettuale instauratosi con il cosiddetto contratto di patrocinio.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 13858/13; depositata il 31 maggio)

La Seconda sezione Civile della Cassazione, con la sentenza n. 13858 depositata il 31 maggio 2013, si è occupata della liquidazione delle spettanze a favore di un avvocato. Peraltro, le numerose, e ben articolate, censure, sono state tutte rigettate....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.