POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 11 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

liberalizzazioni | 27 Gennaio 2012

Decreti ingiuntivi in favore degli avvocati? (per ora) No, grazie!

di Andrea Bulgarelli - Avvocato

L'art. 9, d.l. 24 gennaio 2012, n. 1 (c.d. decreto liberalizzazioni), oltre alla tanto annunciata abolizione delle tariffe professionali, nasconde forse qualche altro dispiacere per gli avvocati e gli altri professionisti con tariffe approvate ministerialmente. Il quarto comma dell’art. 9 prevede infatti che: «Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista rinviano alle tariffe di cui al comma 1».

  Anche se tale comma fosse stato omesso è indubbio che l’art. 636 c.p.c., che alle tariffe fa riferimento, sarebbe risultato parzialmente abrogato (per il futuro) già solo in virtù del primo comma della norma surriportata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.