POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 18 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

processo tributario telematico | 14 Gennaio 2021

Cresce l’utilizzo della PEC nelle comunicazioni con le parti processuali: ecco i dati relativi al 2020

di La Redazione

L’utilizzo della PEC costituisce un importante mezzo di accelerazione della tempestività delle comunicazioni con le parti processuali, oltre a contribuire ad un consistente risparmio dei costi di invio rispetto a quelli richiesti dalla raccomandata. Ma il suo utilizzo è effettivamente in crescita?

A scoprirlo ci ha pensato la Giustizia tributaria che, con un comunicato pubblicato lo scorso 11 gennaio, ha reso note le statistiche sull’utilizzo della PEC relative all’anno 2020.

 

Come noto, l’art. 16-bis del d.lgs. n. 546/1992 ha previsto le modalità secondo le quali le parti processuali ricevono le comunicazioni inerenti la causa e, tra queste, vi è la possibilità di ricevere dette comunicazioni anche mediante la casella PEC del destinatario.
Tale possibilità è stata poi meglio definita dal decreto direttoriale del 26 aprile 2012, pubblicato in G.U. n. 102/2012 e attivata il 15 maggio 2012.

 

Da allora, la Giustizia tributaria monitora l’effettivo utilizzo del PEC nell’invio delle comunicazioni alle parti processuali e, per quel che riguarda l’anno appena trascorso, ha registrato un’ulteriore crescita della nuova modalità, pari al 98,9%.
Tra le ragioni che hanno mostrato un maggiore utilizzo vi sono la Sicilia, la Campania, il Lazio e la Lombardia, seguono la Calabria e la Puglia. Tra gli ultimi posti il Trentino Alto Adige e la Valle d’Aosta.

 



Qui le statistiche sull'utilizzo della PEC della Giustizia tributaria