POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 06 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e imposte | 09 Dicembre 2020

IMU sugli immobili strumentali: sì alla deducibilità dalle imposte sui redditi d’impresa

di La Redazione

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 262/20, ha dichiarato incostituzionale l’indeducibilità dell’IMU sugli immobili strumentali dall’imponibile delle imposte IRES e IRPEF sui redditi d’impresa.

(Corte Costituzionale, sentenza n. 262/20; depositata il 4 dicembre)

Con sentenza n. 262/20, depositata il 4 dicembre, la Corte Costituzionale ha ritenuto l’IMU sugli immobili strumentali quale «costo fiscale inerente di cui non si può precludere, senza compromettere la coerenza del disegno impositivo, la deducibilità una volta che il legislatore abbia, nella propria discrezionalità, stabilito per il reddito d’impresa il criterio di tassazione al netto».

 

In accoglimento delle questioni sollevate dalla CTP di Milano sull’art. 14, comma 1, d.lgs. n. 23/2011 (nel testo in vigore nel 2012), la Consulta ha dichiarato incostituzionale l’indeducibilità, dall’imponibile IRES e IRPEF sui redditi d’impresa, dell’IMU relativa agli immobili strumentali, per violazione del principio di coerenza, e quindi di ragionevolezza di cui agli artt. 3 e 5 Cost..
Giungendo a tale decisione, la Corte ha premesso che «l’originaria linearità del decreto legislativo sul federalismo fiscale municipale, di cui l’IMU costituiva un tassello essenziale, è stata travolta dai successivi interventi normativi: per effetto di un’evoluzione poco lineare e sistematica, già fin dal 2012 l’IMU è stata, infatti, radicalmente trasformata, divenendo, tra l’altro, un tributo particolarmente gravoso e critico per le imprese».
Tuttavia, la decisione della Consulta, «non esclude in assoluto che il legislatore possa prevedere limiti alla deducibilità dei costi», anche se, al di fuori di ipotesi giustificabili in termini di proporzionalità e ragionevolezza, «le deroghe stentano a trovare adeguata ragione giustificatrice».

 

Infine, la Corte ha escluso di estendere l’illegittimità costituzionale alle disposizioni che negli anni successivi hanno introdotto la deducibilità parziale dell’IMU sugli immobili strumentali, in quanto in tale percorso normativo il legislatore si è gradualmente corretto, fino a giungere alla previsione della totale deducibilità a partire dal 2022.