POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 24 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 21 Ottobre 2020

Prorogata al 31 dicembre 2020 la sospensione della riscossione esattoriale

di La Redazione

È in vigore da oggi il decreto che proroga fino al 31 dicembre 2020 la sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 20 ottobre 2020, n. 260 il d.l. n. 129/2020 recante «Disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale».
Il decreto, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 18 ottobre, è in vigore a partire da oggi, 21 ottobre 2020, e contiene la proroga fino al 31 dicembre 2020 la sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione.

 

In particolare:
- sono sospesi i termini dei versamenti, scadenti nel periodo dall'8 marzo al 31 dicembre 2020, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, nonché dagli avvisi previsti dagli artt. 29 e 30 d.l. n. 78/2010 conv. in l. n. 122/2010;
- sono prorogati di dodici mesi i termini di decadenza e prescrizione in scadenza nell'anno 2021 per la notifica delle cartelle di pagamento;
- sono prorogati di dodici mesi i termini in caso di mancata notificazione imputabile al concessionario della cartella di pagamento ai fini della perdita del diritto al discarico delle quote iscritte a ruolo;
- sono sospesi fino al 31 dicembre gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati prima del 31 dicembre 2020 dall'agente della riscossione e dai soggetti incaricati, aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza.



Qui il decreto legge del 20 ottobre 2020, n. 129; in G.U. del 20 ottobre 2020, n. 260