POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 26 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

agevolazioni fiscali | 11 Settembre 2020

Superbonus negato in assenza del condominio

di La Redazione

Non è possibile accedere ai benefici se le unità immobiliari presenti nel medesimo edificio non siano inserite in un condominio (risposta dell’Agenzia delle Entrate del 10 settembre 2020, n. 329).  

In assenza del condominio, non è possibile beneficiare della detrazione del 110% né con riferimento alle spese sostenute per interventi realizzati sulle parti a servizio comune delle unità immobiliari, né con riferimento alle spese sostenute per interventi effettuati sulle singole unità immobiliari.

 

Il caso

 

L'istante è comproprietario con il coniuge e i propri figli minori, di alcune unità immobiliari autonomamente accatastate, facenti parte del medesimo edificio: tre appartamenti, un locale ad uso magazzino, un locale ad uso garage e un bene comune non censibile ad uso corte esterna e scala, senza rendita e consistenza. All'interno sono rinvenibili parti comuni a tutte le citate unità immobiliari quali, ad esempio, locali per la lavanderia, per il riscaldamento centrale, per gli stenditoi o per altri simili servizi in comune.

 

All'AE è chiesto di chiarire se il Superbonus (art. 119, d.l. n. 34/2020) sia applicabile alle predette unità immobiliari.

 

Le indicazioni delle Entrate

 

La prassi ha già avuto modo di precisare che, tenuto conto della locuzione utilizzata dal legislatore riferita espressamente ai «condomìni» e non alle "parti comuni" di edifici, ai fini dell'applicazione dell'agevolazione l'edificio oggetto degli interventi deve essere costituito in condominio secondo la disciplina civilistica ex artt. 1117-1139 c.c. (circolare dell’Agenzia delle Entrate dell’8 agosto 2020, n. 24/E). Ciò premesso, nella fattispecie specifica, sono negati i benefici del Superbonus sia con riferimento alle spese sostenute per interventi realizzati sulle parti a servizio comune delle predette unità immobiliari, sia con riferimento alle spese sostenute per interventi effettuati sulle singole unità immobiliari in quanto non inserite in un condominio. Per l'amministrazione finanziaria, il contribuente potrà fruire, se ne ricorrono i requisiti, delle ordinarie detrazioni (artt. 14 e 16, d.l. n. 63/2013).

(Fonte: mementopiu.it)

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 10 settembre 2020, n. 329