POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 12 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

legislazione | 06 Aprile 2020

In Gazzetta la conversione in legge del cuneo fiscale

di La Redazione

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 90 del 4 aprile 2020 la legge 2 aprile 2020, n. 21 recante la «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3, recante misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente».

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 90 del 4 aprile 2020 la legge 2 aprile 2020, n. 21 recante la «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3, recante misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente», unitamente al testo coordinato del decreto legge. La legge, in vigore dal giorno successivo alla sua pubblicazione, prevede qualora l'imposta lorda determinata sui redditi di cui agli artt. 49, con esclusione di quelli indicati nel comma 2, lett. a), e 50, comma 1, lett. a), b), c), c-bis), d), h-bis) e l), TUIR, sia di importo superiore a quello della detrazione spettante ai sensi dell'art. 13, comma 1, TUIR, una somma a titolo di trattamento integrativo, che non concorre alla formazione del reddito, di importo pari a 600 euro per l'anno 2020 e a 1.200 euro a decorrere dall'anno 2021, se il reddito complessivo non è superiore a 28.000 euro. Tale trattamento integrativo è rapportato al periodo di lavoro e spetta per le prestazioni rese dal 1° luglio 2020.

 



Qui la legge n. 21/2020; in G.U. del 4 aprile 2020, n. 90

Qui il testo coordinato del d.l. n. 3/2020; in G.U. del 4 aprile 2020, n. 90