POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 21 Ottobre 2019

Saldo e stralcio e rottamazione-ter: in arrivo gli esiti della domanda

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione annuncia l’imminente invio di 700mila lettere che avvertiranno circa l’esito delle domande di saldo e stralcio e rottamazione-ter. Interessati i soggetti che hanno usufruito della riapertura dei termini al 31 luglio scorso.  

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione sta per inviare 700mila comunicazioni di esito della domanda di definizione agevolata delle cartelle, rivolte ad altrettanti contribuenti che avevano depositato l’istanza per il saldo e stralcio e per la rottamazione-ter (in questo caso, rivolta a chi ha mancato l’appuntamento entro la scadenza iniziale del 30 aprile scorso e ha usufruito della riapertura dei termini fino al 31 luglio 2019).
Complessivamente, fa sapere l’Agenzia, si tratta di circa 690 mila “comunicazioni delle somme dovute” di cui poco più di 380 mila relative alle domande di “saldo e stralcio” e quasi 310 mila alle richieste di “rottamazione-ter” nella fase di riapertura dei termini. In precedenza, entro il termine del 30 giugno 2019 previsto dalla legge, Agenzia delle Entrate-Riscossione aveva inviato circa un 1 milione 400 mila comunicazioni ai contribuenti che avevano aderito alla “rottamazione-ter” entro il termine del 30 aprile.

 

Le tipologie di comunicazione. Agenzia delle Entrate-Riscossione ha predisposto due tipologie di comunicazione: la “comunicazione delle somme dovute relativa alla definizione per estinzione dei debiti” in risposta alle dichiarazioni presentate per il “saldo e stralcio” e la “comunicazione delle somme dovute per la definizione. Per ciascuna, sono previste cinque differenti tipologie di lettere:
- AT (Accoglimento totale della richiesta) comunica che tutti i debiti contenuti nella dichiarazione di adesione presentata sono definibili e riporta il calcolo di quanto dovuto;
- AP (Accoglimento parziale della richiesta) riguarda quei contribuenti che hanno una parte degli importi da pagare in forma agevolata ma anche debiti non “rottamabili”;
- AD, riservato alle adesioni con tutti i debiti definibili per i quali nessun importo risulta dovuto;
- AX, che si riferisce ai contribuenti che hanno una parte degli importi definibili per i quali non devono pagare nulla, mentre hanno un debito residuo da pagare per debiti non “rottamabili";
- RI, che riguarda le adesioni alla “rottamazione-ter” o al “saldo e stralcio” che vengono rigettate in quanto i debiti indicati nella dichiarazione non rientrano in nessuno dei due istituti e quindi l’importo deve essere pagato senza agevolazioni.
La comunicazione contiene i bollettini di pagamento in base alla scelta effettuata in fase di adesione (per il saldo e stralcio fino a 5 rate in tre anni, per la “rottamazione-ter” fino a 17 rate in cinque anni). La scadenza della prima rata è fissata dalla legge al 30 novembre 2019, termine che cadendo di sabato slitta a lunedì 2 dicembre.

(Fonte: fiscopiu.it)

 

 



Qui il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione del 18 ottobre 2019