POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 15 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

agevolazioni fiscali | 12 Settembre 2019

IVA 4% per la prima casa con abitazione preposseduta acquisita senza agevolazione

di La Redazione

Non preclude l’accesso all’agevolazione fiscale il possesso di un’abitazione acquisita senza aver formalmente usufruito dello stesso beneficio, se si hanno i requisiti richiesti dalla normativa vigente.  

Due coniugi intendono acquistare dal costruttore una nuova abitazione con agevolazione “prima casa”, aliquota IVA al 4 %, impegnandosi a vendere, come richiesto dalla norma, quella attualmente posseduta entro un anno (risposta AE n. 377 del 10 settembre 2019).
Tra i requisiti richiesti per l’applicazione dell’agevolazione, nel caso si possieda già un’abitazione nello stesso comune, che si deve alienare entro un anno, vi è che anche questa sia stata acquisita beneficiando della medesima agevolazione (n. 21 tab. A parte II d.P.R. n. 633/72 e art. 1 tab. parte I, nota II-bis, comma 1, lett. c), d.P.R. n. 131/86).
Nel caso in questione i coniugi l’avevano acquistata prima del 1993, quando l’aliquota IVA per l’acquisto dal costruttore era prevista al 4% in modo generalizzato, quindi, formalmente non avevano avuto necessità di beneficiare di un regime particolare, ma erano comunque in possesso dei requisiti più restrittivi che sarebbero successivamente stati richiesti.
Per la verità nel frattempo l’Agenzia aveva già confermato l’agevolazione “prima casa” in un caso analogo, ossia l’acquisto con atto separato di una pertinenza di un’abitazione ceduta da impresa costruttrice senza beneficiare dell’agevolazione, pur possedendone i requisiti (circ. AE 1 marzo 2001 n. 19/E).
Ebbene l’Agenzia conferma ora definitivamente che non preclude l’accesso all’agevolazione il possesso di un’abitazione acquisita senza aver formalmente beneficiato della stessa agevolazione, se in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa vigente.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate del 10 settembre 29019, n. 377