POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

cartella esattoriale | 22 Agosto 2019

Cartelle di pagamento escluse dalla definizione agevolata

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate ricorda che sono esclusi dalla definizione i giudizi riguardanti gli atti di mera riscossione, quali ruoli, cartelle di pagamento e avvisi di liquidazione.  

Le controversie che concernono le cartelle di pagamento non rientrano nell’ambito di applicazione della definizione agevolata (risp. AE 2 agosto 2019 n. 329).

 

La risposta. L’Agenzia ha risposto all’interpello di un cessionario di un’azienda che aveva ricevuto quattro cartelle di pagamento in qualità di responsabile in solido degli eventuali debiti del cedente. Secondo l’istante, le cartelle da lui ricevute ed impugnate sono atti impositivi per i quali egli può chiedere l’accesso alla definizione agevolata. Per l’Agenzia delle Entrate, però, la tesi dell’istante è errata: per atti impositivi si intendono avvisi di accertamento, provvedimenti di irrogazione di sanzioni, atti di recupero dei crediti d'imposta indebitamente utilizzati e ogni altro atto di imposizione che rechi una pretesa tributaria quantificata; sono esclusi dalla definizione i giudizi riguardanti gli atti di mera riscossione, quali ruoli, cartelle di pagamento e avvisi di liquidazione e, più in particolare, che non sono definibili le controversie aventi ad oggetto i ruoli per imposte e ritenute che, sebbene indicate dai contribuenti e dai sostituti d’imposta nelle dichiarazioni presentate, risultano non versate.
Ha osservato l’Agenzia che, nel caso sottoposto tramite interpello, le controversie sembrano non rientrare nell’ambito di applicazione della definizione agevolata poiché concernenti cartelle di pagamento; ciò si ritiene sulla base di quanto fatto presente con l’interpello dall’istante, senza poter entrare in questa sede nel merito della materia del contendere.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta all’interpello dell’Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2019, n. 329