POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 26 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 23 Luglio 2019

Forfettari, detrazione al 100% per il coniuge con il reddito più elevato

di La Redazione

La conclusione a cui giungono le Entrate si ricava dalle regole generali che disciplinano le detrazioni per carichi di famiglia.  

In applicazione delle regole generali che disciplinano le detrazioni per carichi di famiglia, il coniuge del contribuente aderente al regime forfettario può fruire della detrazione per figli a carico nella misura del 100% nell'ipotesi in cui possieda un reddito complessivo più elevato rispetto al coniuge forfettario (risposta AE 22 luglio 2019 n. 69).

 

Il caso. L’istante è un lavoratore dipendente coniugato con una libera professionista che applica il regime forfetario (art. 1, commi 54-98, l. n. 190/2014). Tramite interpello chiede alle Entrate se, attraverso l'accordo con la moglie, possa fruire della detrazione per figli a carico nella misura del 100%. La richiesta origina dall'attuale quadro normativo che prevede di ripartire la detrazione per figli a carico nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati ovvero, previo accordo tra gli stessi, di riconoscerla al genitore che possiede un reddito complessivo di ammontare più elevato (art. 12 TUIR).

 

Le indicazioni delle Entrate. Attraverso la previsione di tale accordo, per le Entrate, il Legislatore ha inteso, in linea di principio, evitare che, a causa dell’incapienza dell’imposta dovuta da uno dei genitori, il nucleo familiare perda in tutto o in parte il beneficio fiscale previsto per i figli a carico. Tuttavia, è possibile dar corso all’accordo anche in assenza di tale condizione “di incapienza”, poiché la norma, nel consentire l’attribuzione dell’intera detrazione al genitore con il maggior reddito, non vi fa espresso riferimento.
Sebbene la detrazione per figli a carico non spetti ai contribuenti che aderiscono al regime forfettario, per i quali è possibile dedurre solo i contributi previdenziali, il reddito determinato secondo i criteri del regime forfettario rileva, unitamente al reddito complessivo, ai fini della determinazione del limite di euro 2.840,51 per considerare i familiari fiscalmente a carico (art. 1, comma 75, l. n. 190/2014). Analogamente, per le Entrate, il reddito determinato secondo i criteri del regime forfettario, al lordo dei contributi previdenziali, rileva anche ai fini della comparazione del reddito più elevato per stabilire quale genitore possa fruire della detrazione per figli a carico per l’intero importo.

 

(Fonte: fiscopiu.it)

 

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 69 del 22 luglio 2019