POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 16 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

procedure concorsuali | 23 Maggio 2019

Concordato preventivo, il MISE illustra le modifiche alla visura camerale

di La Redazione

Con la circolare n. 3721/C del Ministero dello Sviluppo Economico vengono illustrate le modifiche alla composizione grafica delle visure camerali.  

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla nuova rappresentazione, nelle visure rilasciate dal Registro delle imprese, del concordato preventivo dopo il decreto di omologazione (art. 180 l.fall.), e fino al completamento dell'esecuzione della proposta di concordato.
Con la circolare n. 3721/C del 21 maggio 2019, il MISE illustra le modifiche concordate con Unioncamere ed Infocamere in seguito alle perplessità avanzate dalle imprese interessate da procedure di concordato preventivo.

 

Le modifiche. Le modifiche, in breve, sono le seguenti:
- nella prima pagina (sezione "Dati anagrafici") della visura ordinaria, viene eliminata la dicitura di esistenza di concordato preventivo, lasciando la prima pagina senza alcuna informazione circa l'esistenza del concordato preventivo;
- nel corpo visura, nel blocco relativo alle procedure concorsuali, dove è riportato lo stato di omologa del concordato preventivo e la relativa data, viene aggiunta, invece, una scritta fissa: "concordato preventivo in fase di esecuzione";
- il commissario giudiziale sarà ancora presente tra le persone in carica, ma la sua visualizzazione (e quella di altre cariche analoghe), per motivi di chiarezza, viene spostata dal blocco amministratori al blocco delle altre cariche relative a procedure concorsuali;
- la "scritta fissa 96" (non esistenza di procedura in corso) continua, come già attualmente, a non essere emessa fino a quando non è completata la fase di esecuzione del concordato preventivo.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la circolare MISE del 21 maggio 2019, n. 3721/C