POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 14 Maggio 2019

Forfettari, opera la causa ostativa anche per le quote detenute dal coniuge

di La Redazione

Nell’ambito delle persone interposte vanno ricompresi i familiari, tra i quali figura anche il coniuge. Il caso è stato preso in analisi in una risposta delle Entrate.  

La causa ostativa che impedisce di avvalersi del regime forfettario in caso di controllo di società a responsabilità limitata che esercitino attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte, opera anche nel caso in cui sia la moglie a detenere la partecipazione nella società a responsabilità limitata. La disciplina prevede, infatti, che a far scattare la causa ostativa sia, oltre il controllo diretto, anche quello indiretto (art. 1 comma 57. lett. d) l. n. 190/2014). E proprio in quest'ultima casistica ricadono le persone interposte, tra cui i familiari e, naturalmente, fra questi, il coniuge.
La fattispecie è presa in analisi dalla Risposta n. 137 pubblicata ieri dalle Entrate a seguito di un interpello presentato da un commercialista.

 

Il caso. L'istante, oltre all'esercizio della professione, collabora con una s.r.l. partecipata con una quota dell’80% dalla moglie.

 

Le indicazioni delle Entrate. Ai fini del controllo indiretto vanno computati anche i voti spettanti a società controllate, a società fiduciarie e a persona interposta. Nell'ambito delle persone interposte vanno ricompresi i familiari che, ai fini delle imposte sui redditi, sono: il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado (art. 5 comma 5 TUIR).  L'istante, in ogni caso, può aderire per il 2019 al regime forfettario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata in detto anno e – ove ne sia accertata l’esistenza – comporterà la decadenza dal regime nel 2020.

(Fonte: fiscopiu.it)

 

 



Qui la risposta all’interpello dell’Agenzia delle Entrate del 13 maggio 2019, n. 137