POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 17 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 17 Aprile 2019

Commercialista-socio al 50% di s.r.l., fuori dal forfettario

di La Redazione

Una nuova risposta delle Entrate si occupa del caso: decadenza dal regime assicurata salvo che il professionista non rinunci alla carica di amministratore.  

Decade dal regime forfettario il commercialista socio al 50% di una srl di revisione. La somma, infatti, del controllo diretto della società e la sovrapposizione delle attività esercitate fanno scattare la causa ostativa prevista dalla lettera d) del comma 57 dell’art. 1, L. n. 190/2014, secondo cui  non possono applicare il regime forfetario gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.
La conferma arriva dalla Risposta a interpello n. 108 pubblicata ieri dalle Entrate.

 

Il caso. Il commercialista del caso di specie, oltre a svolgere la professione, è proprietario di una quota pari al 50% del capitale sociale di una srl che svolge l’attività di revisione e certificazione di bilanci (codice ATECO 69.20.20). Considerato che il suo reddito, relativo al periodo d’imposta 2018, risulta inferiore a euro 65.000, chiede alle Entrate se può avvalersi del regime forfettario alla luce delle ultime modifiche recate dalla Legge di Bilancio 2019 alle cause ostative di accesso al regime (lettera d) del comma 57 dell’art. 1, l. n. 190/2014).

 

La risposta. Negativo il parere delle Entrate al quesito del commercialista. Per l'Amministrazione finanziaria, infatti, il contribuente soddisfa entrambe le condizioni necessarie per far operare la causa ostativa prevista dalla menzionata lettera d) del comma 57, e precisamente:
- il controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata (nel caso di specie, partecipazione al 50% in una srl);
- l’esercizio da parte della stessa di attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni (nel caso di specie, i codici ATECO delle due attività rispettivamente svolte dal commercialista e dalla società a responsabilità limitata controllata appartengono alla medesima sezione ATECO (la sezione M).
Ritenuta integrata la causa ostativa, le Entrate concludono che “l’istante decadrà dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020 ai sensi del successivo comma 71 del citato art. 1 (l. n. 190/2014, ndr), ferma restando comunque l’applicabilità del regime forfetario nel periodo d’imposta 2019. Tuttavia, qualora l’istante dovesse cessare dalla carica di amministratore della s.r.l. controllata nel 2019, lo stesso non decadrà dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020”.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta all'interpello dell’Agenzia delle Entrate del 16 aprile 2019, n. 108