POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 04 Aprile 2019

L’autorizzazione del MIUR giustifica l’esenzione IVA per i corsi privati universitari

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 94 pubblicata il 3 aprile 2019, specifica che per ottenere l’esenzione IVA prevista dall’art. 10, comma 1, n. 20 del d.P.R. n. 633/1972 è indispensabile l’autorizzazione del MIUR.  

L’interpello. L’esenzione IVA prevista dall’art. 10, comma 1, n. 20, del d.P.R. n. 633/1972 è applicabile ai corsi per l’accesso all’università e per gli esami di laurea triennale in modalità e-learning? Il quesito è stato posto da una società all’Agenzia delle Entrate, la quale ha risposto in maniera negativa: la situazione sottopostole non permetteva una risposta affermativa in quanto, nel caso in esame, non sussistevano i presupposti per l’applicazione dell’esenzione IVA in merito alle prestazioni didattiche. La società non era infatti autorizzata dal MIUR.

 

La risposta delle Entrate. Come spiega l’Agenzia con la risposta n. 94, il punto è tutto nell’autorizzazione ministeriale. Il Ministero aveva infatti specificato che «i corsi universitari, con le relative attività formative cui sono associati crediti formativi universitari, possono essere attivati esclusivamente dalle Università statali e non statali legalmente riconosciute, che sono istituite e accreditate con decreto del Ministro su conforme parere dell’ANVUR nel rispetto delle linee generali d’indirizzo della programmazione triennale del sistema universitario». E negli altri casi? «Istituzioni non universitarie possono attivare corsi e rilasciare titoli equipollenti a quelli universitari in casi tassativamente indicati da specifiche disposizioni normative e in ogni caso previa autorizzazione di questo Ministero».
Dunque, l’esenzione è subordinata all’autorizzazione ministeriale. Ma non è tutto. Le attività formative svolte dalla società istante non erano rese nell’ambito di un’attività approvata e finanziata da enti pubblici (Amministrazioni statali, Regioni, Enti locali, Università ecc.) tale da far ritenere sussistente un riconoscimento per atto concludente della specifica attività didattica e formativa.

 

(Fonte: fiscopiu.it )

 

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 3 aprile 2019, n. 94.