POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 22 marzo 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 14 Marzo 2019

Ritardi o inadempimenti degli obblighi contrattuali, indennizzi esclusi dal campo IVA

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 74 pubblicata il 13 marzo 2019, ha confermato che gli indennizzi dovuti a ritardi o inadempimenti degli obblighi contrattuali sono esclusi dal campo IVA.  

Esclusi dall’ambito IVA, per mancanza del presupposto oggettivo, gli indennizzi dovuti a ritardi o inadempimenti degli obblighi contrattuali. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 74.

 

La risposta. Il Fisco ha risposto ad una società che chiedeva conferma della corretta applicazione dell’art. 15, comma 1, n. 1), d.PR. n. 633/1972. L’Agenzia ha osservato che, stando allo stesso decreto, «la base imponibile delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi è costituita dall'ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente o prestatore, secondo le condizioni contrattuali, compresi gli oneri e le spese inerenti all'esecuzione e i debiti o altri oneri verso terzi accollati al cessionario o al committente, aumentato delle integrazioni direttamente connesse con i corrispettivi dovuti da altri soggetti». Tuttavia, ai sensi del successivo art. 15, comma 1, n. 1), d.P.R. n. 633/1972, non concorrono a formare la base imponibile «le somme dovute a titolo di interessi moratori o di penalità per ritardi o altre irregolarità nell'adempimento degli obblighi del cessionario o del committente».
L’Agenzia ha dunque confermato che «presupposto stringente per l'applicazione dell'art. 15, comma 1, n. 1), è l’esistenza di un risarcimento in senso proprio, dovuto a ritardi o inadempimento di obblighi contrattuali». Le somme corrisposte a titolo di penale per violazione di obblighi contrattuali non costituiscono infatti il corrispettivo di una prestazione di servizio o di una cessione di un bene, ma assolvono una funzione punitivo-risarcitoria. Tali somme sono pertanto escluse dall'ambito di applicazione dell'imposta sul valore aggiunto per mancanza del presupposto oggettivo.

(Fonte: fiscopiu.it )

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 13 marzo 2019, n. 74.