POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 26 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

amministratore di condominio | 28 Febbraio 2019

Amministratori di condominio, dati Precompilata all’8 marzo

di La Redazione

Il termine non scade più oggi. Proroga concessa sul filo di lana da un Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate d’intesa con il MEF.  

Slitta da oggi, 28 febbraio, all’8 marzo il termine entro il quale gli amministratori di condominio devono comunicare i dati per l’elaborazione della dichiarazione precompilata. A concedere la proroga è un Provvedimento firmato ieri dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate, d’intesa con il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, per andare incontro alle esigenze manifestate dalle associazioni di categoria anche in considerazione delle modifiche delle specifiche tecniche finora utilizzate.

 

I dati. Il termine interessa l’invio dei dati relativi alle spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico effettuati sulle parti comuni condominiali, nonché i dati relativi all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

 

La trasmissione. Per inviare i dati gli amministratori di condominio dovranno utilizzare le nuove specifiche tecniche implementate, a partire da quest’anno, con ulteriori informazioni per consentire una compilazione sempre più completa della dichiarazione precompilata e al fine di recepire le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 in materia di interventi agevolabili effettuati sulle parti comuni di un edificio residenziale, come le spese per interventi di “sistemazione a verde”.

 

La proroga. Il nuovo termine dell’8 marzo si riferisce esclusivamente ai dati relativi all’anno 2018, senza impatti sul calendario della campagna dichiarativa 2019.

 

(Fonte: fiscopiu.it )

 



Qui il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 27 febbraio 2019, n. 48597