POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 17 Dicembre 2018

Trasformazione da associazione professionale in s.a.s.: regime fiscale applicabile

di La Redazione

Con la risposta n. 107 pubblicata il 12 dicembre, l’Agenzia delle Entrate fornisce un chiarimento all’interpello posto da un’associazione tra dottori commercialisti che intendeva proseguire lo svolgimento dell’attività sotto la veste di società in accomandita semplice.  

Trasformazione da associazione professionale in società tra professionisti s.a.s.: il regime fiscale da applicare è quello ex art. 171, comma 2, del T.U.I.R per le operazioni che comportano l’ingresso o la fuoriuscita di beni dal regime di impresa. Il conferimento dello studio associato in una neo-costituita società tra professionisti s.a.s. costituisce inoltre un’operazione fiscalmente rilevante, e il corrispettivo è determinato in base al valore normale dei singoli beni conferiti al momento della costituzione della società. Sono questi alcuni chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 107 pubblicata il 12 dicembre, con la quale il Fisco ha risposto all’interpello posto da un’associazione tra dottori commercialisti e revisori legali dei conti, che intendeva proseguire lo svolgimento dell’attività sotto la veste di società in accomandita semplice.
In merito al quesito avente ad oggetto il regime fiscale applicabile alla trasformazione dell’associazione professionale in s.a.s., l’Agenzia evidenzia che l’art. 170 del T.U.I.R. non costituisce realizzo né distribuzione delle plusvalenze e minusvalenze dei beni comprese quelle relative alle rimanenze e il valore di avviamento. «In altri termini, il Legislatore ha voluto chiarire che quando la trasformazione si traduce in un mero mutamento della forma giuridica della società, l’operazione è fiscalmente neutrale dal punto di vista delle imposte dirette, poiché la stessa non comporta alcun effetto traslativo dei beni sociali che restano nella sfera patrimoniale dello stesso soggetto». Il successivo art. 171 del T.U.I.R. disciplina invece le trasformazioni eterogenee, che riguardano il passaggio da società lucrative ad enti non commerciali e da enti non commerciali a soggetti IRES. «Nel caso di specie, l’istante - che come dallo stesso precisato risulta equiparabile sul piano civilistico a una società di fatto […] – non svolge attività commerciale. Ne consegue che la trasformazione prospettata, sul piano fiscale, è assimilata ad un conferimento di beni di cui all’art. 171, comma 2, del T.U.I.R.».
Infine, l’Agenzia ritiene che il conferimento dello Studio associato in una neo-costituenda società tra professionisti Sas costituisce un’operazione fiscalmente rilevante, cui si applicano le disposizioni di cui agli artt. 9 e 54 del T.U.I.R.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 12 dicembre 2018 n. 107