POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

contenzioso tributario | 05 Dicembre 2018

Vendita infragruppo sottocosto di pacchetti azionari, non è abuso del diritto

di La Redazione

La vendita infragruppo sottocosto di pacchetti azionari? Non costituisce abuso del diritto. Lo ha spiegato la Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione con la sentenza del 23 novembre 2018 n. 30335, con la quale i Giudici del Palazzaccio hanno accolto due motivi di ricorso presentati da una società partecipata, la quale aveva ceduto alla controllante azioni ad un prezzo inferiore a quello di mercato per incassare liquidità.  

(Corte di Cassazione, sez. Tributaria, sentenza n. 30335/18; depositata il 23 novembre)

L’elusione di imposta. Specificando come il contribuente non possa trarre vantaggi fiscali dall’utilizzo distorto, anche se non contrastante con alcuna specifica disposizione, di strumenti giuridici atti ad ottenere un risparmio fiscale, la Corte ha però osservato che, perché si possa configurare l’elusione di imposta, occorrono sia la presenza di un vantaggio fiscale indebito, sia l’aggiramento di obblighi e divieti, sia ancora l’assenza di valide ragioni economiche. La prova del disegno elusivo sia delle modalità di manipolazione e di alterazione degli schemi negoziali classici, considerati irragionevoli in una logica di mercato, incombe sull’Amministrazione finanziaria, mentre grava sul contribuente l’onere di allegare l’esistenza di ragioni economiche alternative o concorrenti di reale spessore che giustifichino operazioni in quel modo strutturate.
 

In concreto. La società appellante aveva prodotto la documentazione necessaria, non valutata dalla Commissione Regionale, in relazione alla drastica riduzione di utili deducendo che la strategia del gruppo societario era dunque mutata; si era quindi ritenuto necessario acquisire liquidità attraverso la vendita della partecipazione societaria, sia pure a prezzo ridotto, per affrontare i nuovi investimenti coerenti con la strategia complessiva del gruppo.

(Fonte: fiscopiu.it )