POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 24 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FINANZA e TRIBUTI

notificazioni | 14 Settembre 2018

La notifica del ricorso tributario con corriere privato è inesistente: la liberalizzazione opera solo dal 10 settembre 2017

di Francesco Brandi - Dottore di ricerca in Diritto tributario presso la Sapienza di Roma

La notifica del ricorso a mezzo posta con ricorso ad un corriere “privato” è inesistente. Lo ha stabilito la Cassazione con ordinanza n. 21884 del 7 settembre 2018 con cui ha rigettato il ricorso di un contribuente destinatario di alcuni avvisi di accertamento per TARSU/TIA.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza n. 21884/18; depositata il 12 settembre)

Notifica atti giudiziari con corriere privato: normativa e recente liberalizzazione. L’ art. 4, comma 1, lett. a), d.lgs. n. 261/1999, emanato in attuazione della direttiva 97/67/CE, che ha liberalizzato i servizi postali, stabilisce pur sempre...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.