POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FINANZA e TRIBUTI

onlus | 11 Settembre 2018

Terzo settore, in G.U. il decreto correttivo

È approdato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo licenziato a inizio agosto dall’esecutivo e contenente le modifiche al Codice del Terzo settore.  

6 mesi in più per adeguare gli statuti degli enti del Terzo settore al nuovo quadro normativo. Rendiconto di cassa al posto del bilancio per gli enti con ricavi sotto i 220mila euro. Revisione legale solo per i più grandi.
Sono queste solo alcune delle novità recate dal decreto correttivo del Codice del Terzo settore, il d.lgs. n. 105/2018, pubblicato ieri nella Gazzetta Ufficiale n. 210 e in vigore da oggi. Ecco in sintesi alcune delle principali novità.

 

Modifiche statuti. Passa da 18 a 24 mesi il termine entro cui adeguare gli statuti degli enti del Terzo settore al nuovo quadro normativo: la scadenza è ora fissata al 3 agosto 2019. Inoltre, vengono limitate le modifiche apportabili con maggioranza semplice alle disposizioni inderogabili e all’introduzione di clausole che escludono l’applicazione di nuove disposizioni derogabili.

 

Bilanci. Gli enti non commerciali, che non applicano il regime forfettario e che non abbiano conseguito nell’anno precedente proventi in misura superiore a 220 mila euro (il limite prima era a 50 mila) potranno redigere, in luogo del bilancio di esercizio, il rendiconto di cassa.

 

Revisione legale. Solo gli enti di maggiore dimensione hanno l’obbligo di sottoporsi a revisione legale dei conti. Quando la revisione è prevista con disposizione statutaria, poiché obbligatoria, tutti i componenti devono essere revisori legali iscritti nell’apposito registro.

 

Esenzione imposta di registro. Niente imposta di registro sugli atti costitutivi e quelli connessi allo svolgimento delle attività delle organizzazioni di volontariato.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui il decreto legislativo 3 agosto 2018, n. 105; in G.U. del 10 settembre 2018, n. 210