POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 11 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

concordato preventivo | 24 Luglio 2018

Concordato e accordi di ristrutturazione, ecco come tassare i crediti tributari

Una nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate, n. 16/E, fa luce sul trattamento dei crediti tributari e contributivi alla luce delle ultime modifiche operate alla legge fallimentare.  

La circolare n. 16/E diramata il 23 luglio 2018 dall’Agenzia delle Entrate fornisce indicazioni in merito al corretto trattamento dei crediti tributari e contributivi nell’ambito delle procedure di concordato preventivo e di accordo di ristrutturazione dei debiti.

Concordato preventivo e falcidiabilità dell’IVA. In particolare, illustra i principi affermati dalle pronunce giurisprudenziali che hanno inciso maggiormente sulle due procedure e fornisce chiarimenti relativamente alle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2017 (l. n. 232/2016), che è intervenuta su alcune disposizioni della Legge fallimentare (R.D. n. 267/1942). Come noto, infatti, a partire dalle procedure avviate dal 1° gennaio 2017 o comunque a tale data non ancora votate o sottoscritte per adesione, è obbligatorio il procedimento previsto dall’art. 182-ter l.fall. in tutte le ipotesi di concordato preventivo ed è riconosciuta la possibilità di falcidiare, all’interno del concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione, anche i debiti relativi all’IVA e alle ritenute operate e non versate, con il limite della quota realizzabile sul ricavato in caso di liquidazione.
Partendo da questo quadro, le Entrate hanno fornito nuovi chiarimenti, precisando, ad esempio, che nel concordato, sia liquidatorio che con continuità aziendale, è possibile ammettere il pagamento parziale dell’IVA, con la conseguente degradazione a rango di chirografo della parte di credito non soddisfatta. L’indicazione si fonda su quanto espresso dalla Corte di giustizia nella sentenza del 7 aprile 2016, causa C-546/14, la quale, come evidenziato nella nuova circolare, ha escluso che tali ipotesi, ferme restando le garanzie procedurali previste dall’art. 160, comma 2, L.F, possano costituire una rinuncia generale e indiscriminata alla riscossione dell’IVA.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la circolare dell’Agenzia delle Entrate del 23 luglio 2018, n. 16/E