POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

agevolazioni fiscali | 13 Luglio 2018

Beni significativi, i chiarimenti delle Entrate nella nuova circolare

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 15/E pubblicata il 12 luglio 2018, analizza la disciplina dei cosiddetti beni significativi individuati nell’elenco di cui al d.m. 29 dicembre 1999.  

È una circolare molto importante per chi ristruttura, la n. 15/E pubblicata il 12 luglio 2018 dall’Agenzia delle Entrate.

La categoria dei beni significativi. Nel nuovo intervento di prassi, il Fisco ha infatti fornito utili chiarimenti in merito alla disciplina dei cosiddetti “beni significativi” (di cui all’art. 7, comma 1, lettera b) della l. n. 488/1999, vale a dire ascensori e montacarichi, infissi interni ed esterni, caldaie, video citofoni, apparecchiature di condizionamento e ricircolo dell’aria, sanitari e rubinetterie, impianti di sicurezza, individuati dal d.m. 29 dicembre 1999). Tale categoria di beni incide sulle agevolazioni IVA per gli interventi di recupero edilizio, con un’aliquota IVA del 10% per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria se eseguiti in immobili a prevalente destinazione abitativa.
Osserva l’Agenzia che «La categoria dei beni significativi assume rilevanza, peraltro, solo nelle ipotesi in cui siano realizzati interventi di manutenzione ordinaria e di manutenzione straordinaria su immobili a prevalente destinazione abitativa privata, a condizione che i suddetti beni vengano forniti dallo stesso soggetto che esegue la prestazione (i beni forniti da un soggetto diverso o acquistati direttamente dal committente dei lavori sono soggetti ad IVA con applicazione dell’aliquota nella misura ordinaria)».
La circolare va ad analizzare in modo particolare il valore delle parti staccate di tali beni significativi, vale a dire le tapparelle, le scuri, le veneziane, le zanzariere, le inferrate o le grate di sicurezza: si tratta infatti di elementi generalmente autonomi rispetto agli infissi. Nel caso in cui essi siano strutturalmente integrati agli infissi, però, il loro valore confluisce ai fini dell’aliquota agevolata in quello dei beni significativi.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la circolare dell’Agenzia delle Entrate del 12 luglio 2018, n. 15/E