POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 26 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

PTT – giurisprudenza | 19 Febbraio 2018

L’atto notificato in forma cartacea non può essere firmato digitalmente

È affetto da nullità, e va dunque annullato, l’avviso di accertamento notificato a mezzo raccomandata postale con apposizione di una firma digitale.  

(Commissione Tributaria Provinciale di Treviso, sez. I, sentenza n. 55/18; depositata il 15 gennaio)

Lo ha affermato la CTP Treviso con la sentenza n. 55/18, depositata il 15 febbraio.

Il caso. Una s.r.l. propone impugnazione, unitamente ai soci della stessa, avverso l’avviso di accertamento notificato dall’Agenzia delle Entrate e relativo ad imposte dirette e IVA per l’anno d’imposta 2011.
Al di là dei profili di merito, la CTP sottolinea la pregiudizialità dell’eccezione sollevata dal ricorrente e relativa alla nullità dell’atto impugnato per omessa sottoscrizione. In particolare l’avviso di accertamento era stato notificato tramite raccomandata con la stampa di una firma alla quale si accompagnava la dicitura “firmato digitalmente”.

Firma digitale. La Commissione sottolinea che la possibilità di sostituire la firma autografa con un’indicazione a stampa del nominativo è concessa solo nel caso in cui gli atti «siano prodotti da sistemi informativi automatizzati e derivano da attività di carattere seriale effettuate con modalità di lavorazione accentrata».
Tornando al caso di specie, si è invece in presenza di un atto cartaceo con firma effettuata in via ordinaria che avrebbe dovuto essere effettuata in forma autografa sulla base dell’art. 42 d.P.R. n. 600/1973.
In conclusione, precisano i giudici, «solo nell’ipotesi in cui la notifica fosse avvenuta via PEC, la firma avrebbe potuto essere digitale anche al fine di consentire la verifica della certezza della sottoscrizione del ricevente la notifica secondo la predetta formalità».
In conclusione, risultando l’atto firmato digitalmente in assenza dei requisiti previsti per la firma digitale, la CTP ne dichiara la nullità. Gli atti impugnati vengono dunque annullati.