Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 19 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FINANZA e TRIBUTI

PTT - giurisprudenza | 09 Gennaio 2018

La cartella notificata via PEC come file ".pdf" privo di attestazione di conformità è illegittima

di Leda Rita Corrado - Avvocato e Giornalista pubblicista, Dottore di ricerca in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Il file di estensione “.pdf” costituisce una mera copia informatica (digitale) dell’atto, giacché non è possibile affermare che tale documento sia identico all’originale in assenza di attestazione di conformità. La notifica via posta elettronica certificata necessita che il file trasmesso rechi l’estensione “.p7m”: «solo in tal caso si sarebbe stati di fronte a un vero e proprio documento informatico, immodificabile nel contenuto e certo, in quanto digitalmente firmato, nella provenienza».

(Commissione Tributaria Regionale Campania, sez. XI, sentenza n. 9464/17; depositata il 9 novembre)

Sul punto la CTR della Campania, sez. XI, sentenza n. 9464/17; depositata il 9 novembre. Il caso. Una società di capitali impugna una cartella di pagamento emessa a seguito di un controllo formale relativamente al periodo di imposta 2011,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.