POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

notificazioni | 06 Marzo 2017

Notifica degli atti delle Entrate tramite PEC dal 1° luglio 2017

L’Agenzia delle Entrate, con un provvedimento, autorizza il modello per la comunicazione dei dati da trasmettere al Fisco al fine di ricevere la notifica degli atti tramite posta elettronica certificata.

Code agli sportelli? Mai più, per chi sceglie la posta elettronica certificata per ricevere gli atti dell’Agenzia delle Entrate. Lo annuncia la stessa Agenzia, che informa come dal 1° luglio 2017 sarà possibile ottenere la notifica degli atti tramite l’indirizzo PEC precedentemente comunicato al Fisco.

Modello. Per poter aderire all’iniziativa, le Entrate hanno approvato il modello (con il provvedimento del 3 marzo 2017, n. 44027) per comunicare i dati relativi all’indirizzo di posta elettronica certificata per la notifica degli avvisi e degli altri atti delle Entrate che per legge devono essere notificati.
Sempre con lo stesso modello (che potrà essere utilizzato soltanto dalle persone fisiche residenti e non residenti e dai soggetti diversi dalle persone fisiche non obbligate per legge a dotarsi di un indirizzo PEC inserito nell’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata) sarà possibile comunicare eventuali variazioni o la revoca dell’indirizzo PEC. La comunicazione dell’indirizzo PEC non produrrà effetti se il soggetto istante risulti già titolare di un indirizzo PEC inserito nell’INI-PEC.
«La presentazione del modello – informa l’Agenzia – deve avvenire esclusivamente per via telematica dal soggetto istante abilitato ai servizi telematici, secondo le modalità che saranno stabilite con un successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia. La trasmissione telematica dei dati è effettuata mediante l’apposito software reso disponibile gratuitamente sul sito dall’Agenzia delle Entrate. Sullo stesso sito è reperibile il modello con le relative istruzioni».

(Fonte: www.fiscopiu.it)



Qui il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 3 marzo 2017, n. 44027