POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 05 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

cartella esattoriale | 22 Dicembre 2016

Equitalia, stop a 375mila cartelle fino all'8 gennaio

Anche quest’anno, Equitalia “congela” le cartelle in occasione del ponte natalizio. Dal 24 dicembre all’8 gennaio 2017 era previsto l’invio di poco meno di 450mila cartelle, saranno bloccate quasi tutte.

Il regalo di Natale di Equitalia arriva in anticipo: già il 21 dicembre, infatti, l’Ente della Riscossione ha annunciato di voler bloccare 375mila atti pronti all’invio. Un provvedimento assunto dall’ad di Equitalia Ernesto Maria Ruffini, secondo il quale «è un time out, una sospensione che rientra nel quadro di riforma di un sistema di riscossione che deve essere più dalla parte dei cittadini e non contro. I progetti messi in campo nei 18 mesi della mia guida e col nuovo Consiglio di amministrazione dimostrano, con i numeri, che era stata intrapresa la strada giusta e che si può fare riscossione e recupero dell’evasione anche stringendo un patto di fiducia con imprese e cittadini».

Stop a 375mila cartelle. Dunque, dal 24 dicembre all’8 gennaio 2017 stop a 375mila cartelle: era previsto l’invio di poco meno di 450mila atti, alcuni dei quali non sono però procrastinabili e saranno comunque notificati anche durante queste due settimane, anche se in buona parte attraverso la posta elettronica certificata.
L’operazione “zero cartelle”, come ha illustrato Ruffini, si inserisce nel percorso di miglioramento del rapporto fisco-contribuenti che negli ultimi mesi ha portato già diverse innovazioni tra cui quella digitale. Le novità messe in atto da Equitalia spaziano in tutti i campi: dalla app Equiclick al progetto “cartella amica”, che prevede il piano di rateizzazione dei propri debiti già riportato in un semplice modulo all’interno della stessa lettera. C’è anche l’sms inviato sul cellulare del contribuente o tramite mail, e che ricorda dell’arrivo di una cartella o del ritardo nel pagamento delle rate.

(Fonte: www.fiscopiu.it)