POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

elementi indiziari | 29 Maggio 2015

Frodi carosello: visura camerale e bonifico non dimostrano l’incolpevole affidamento del cessionario sulla regolarità fiscale del cedente

di Leda Rita Corrado - Avvocato e Giornalista pubblicista, Dottore di ricerca in Scienze Giuridiche presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

  In tema di annullamento di avvisi di accertamento emessi per disconoscere la detrazione dell’Iva afferente a fatture di acquisto relative ad operazioni inesistenti, la Cassazione sottolinea l’importanza della ponderazione degli elementi probatori indicati dalle parti con riferimento al grado di consapevolezza del contribuente circa il carattere fraudolento delle cessioni.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - T, ordinanza n. 10793/15; depositata il 26 maggio)

  Questo è il tema di cui si occupa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10793/15 depositata il 26 maggio. Il caso. Con l’ordinanza in commento la sezione VI della Corte di Cassazione cassa con rinvio la pronuncia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.