POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

Esenzioni IRES | 20 Marzo 2013

Definito l’elenco delle associazioni senza fini di lucro

  Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 18 marzo 2013, il Decreto del 13 febbraio scorso, con cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze individuava i soggetti beneficiari delle agevolazioni previste per i soggetti che svolgono particolari attività di interesse storico, artistico e culturale.

(D.M. 13 febbraio 2013; G.U. 18 marzo 2013, n. 65)

 

L’art. 1, comma 185, Legge 27 dicembre 2006, n.296 riserva alle «associazioni senza fini di lucro che realizzano o partecipano a manifestazioni di particolare interesse storico, artistico e culturale, legate agli usi e alle tradizioni delle comunità locali», particolari agevolazioni di natura fiscale, dietro specifica domanda da inoltrare telematicamente all’Agenzia delle Entrate, dal 20 luglio al 20 settembre di ciascun anno.
Esenzioni IRES e liberalità. I benefici consistono da un lato nell’esenzione dall’IRES, dall’altro nella considerazione che le donazioni, così come le prestazioni gratuite, compiute dalle persone fisiche a favore delle associazioni in parola sono considerate liberalità ai fini impositivi.
Niente scritture contabili. Ulteriore agevolazione consiste nel fatto che coloro che gestiscono le necessarie attività connesse alle finalità istituzionali non hanno obblighi di tenuta delle scritture contabili e non rivestono la qualifica di «sostituti d’imposta».
Benefici sì, ma non per tutti. Non a tutti sono concessi i benefici. Infatti, spetta all’Amministrazione il controllo dei requisiti e, come rilevato dal comma 186 della L. 296/2006, la verifica in ordine al fatto che non venga superato l’onere complessivo di 5 milioni di euro legato alla misura agevolativa.
La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto 13 febbraio 2013, rappresenta dunque il momento conclusivo dell’iter di richiesta delle associazioni, che potranno così controllare la sussistenza del proprio nominativo fra i soggetti chiamati a godere di questo tipo di agevolazioni.