POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 28 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

privacy | 19 Novembre 2020

Anche i familiari dei vip hanno diritto alla privacy: no alle foto della madre e del neonato sui media

di Giulia Milizia

La nascita di un bambino ed i suoi primi istanti di vita sono delicatissimi e devono essere tutelati al massimo. La maternità, anche dei vip o dei loro congiunti, è un momento strettamente privato che non può essere oggetto di un reportage fotografico su una rivista: la privacy dei parenti di un vip è soggetta ad alcune limitazioni, ma non può essere violata indisturbatamente. Le autorità interne non hanno equamente bilanciato i contrapposti interessi ledendo quelli ex art. 8 Cedu dell’ex moglie e del figlio di un noto politico lettone.

È quanto deciso dalla CEDU nel caso Dupate c. Lettonia (ric. 18068/11) del 19 novembre.   La ricorrente era sposata con il segretario di un partito politico, dirigente di un ente statale nonché testimonial di un periodico...

Qui la sentenza della CEDU del 19 novembre 2020, caso Dupate c. Lettonia (ric. 18068/11)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.