POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 28 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

lavoro subordinato | 18 Novembre 2020

CGUE: lecito e non discriminatorio negare il congedo parentale supplementare ai padri

di Giulia Milizia

Gli artt. 14 e 28 Direttiva 2006/54/CE (par condicio fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego), letti alla luce della Direttiva 92/85/CEE, concernente l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento (decima direttiva particolare ai sensi dell’art. 16 §.1 Direttiva 89/391/CEE), devono essere interpretati nel senso che essi non ostano alla disposizione di un CCNL che riserva alle lavoratrici, che si prendono cura in prima persona del proprio figlio, il diritto ad un congedo dopo la scadenza del congedo legale di maternità, a condizione che lo stesso sia diretto a tutelarle con riguardo tanto alle conseguenze della gravidanza quanto alla loro condizione di maternità, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare prendendo in considerazione, in particolare, le condizioni di concessione di detto congedo, le modalità e la durata del medesimo nonché il livello di protezione giuridica ad esso connesso.  

(Corte di Giustizia UE, Prima Sezione, sentenza 18 novembre 2020, causa C-463/19)

È quanto deciso dalla CGUE nell’odierna EU:C:2020:932, C-463/19 sul ricorso presentato da un sindacato dei lavoratori per contestare il rifiuto opposto ad un suo associato, impiegato presso un ente previdenziale, di ottenere un congedo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.