POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

professione forense | 26 Luglio 2019

Il processo penale è equo se le prove elettroniche sono state rese accessibili all’avvocato

di Giulia Milizia

Laddove il legale ha avuto accesso ai numerosi dati relativi al complesso processo penale per corruzione e le autorità sono state collaborative accogliendo prontamente le sue istanze, fornendogli un software gratuito per visionare detti dati e quelli utili allo svolgimento del suo mandato, non si potrà ravvisare una deroga all’art. 6 §§. 1 e 3: l’avvocato ha avuto il tempo necessario per familiarizzare col caso ed il processo nel suo complesso è equo.  

È quanto deciso dalla CEDU nel caso Rook c. Germania (ric. 1586/15) del 25 luglio 2019.   Il caso. Il ricorrente è un ex senior manager ed amministratore delegato di un importante rivenditore di elettronica di consumo in...

Qui la sentenza della CEDU, Fifth Section, caso Rook c. Germany (ric. 1586/15) del 25 luglio 2019

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.