POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 26 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

minori | 05 Marzo 2019

I nonni mantengono il diritto di visita anche se il nipote è adottato da terzi

di Giulia Milizia

La CEDU ha ravvisato una deroga all’art.8 Cedu nell’interruzione dei rapporti tra nonni materni e nipote dopo la sua adozione da parte di altri parenti. Il legame tra nonno e nipoti è infatti forte ed indissolubile come quello tra genitori e figli, seppure meno tutelato. Fermo restando che con l’adozione si interrompono i rapporti con la famiglia di origine, se i nonni chiedono di mantenere i loro diritti e doveri verso i nipoti, lo Stato deve adoperarsi in tal senso, garantendo loro anche il diritto di visita.

È quanto deciso dalla CEDU sez. III nel caso Bogonosovy c. Russia (ric. 38201/16) del 5 marzo 2019.   Il caso. La figlia si trasferì a casa loro nel 2008, quando la nipote aveva 2 anni. Morì nel 2011, dopo una grave...

Qui la sentenza della CEDU, Third Section, del 5 marzo 2019, caso Bogonosovy c. Russia (ric. 38201/16)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.