POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

professione forense | 06 Novembre 2018

Il praticante avvocato non perde ipso iure l’indennità sostitutiva delle ferie non godute

di Giulia Milizia

L’art. 7 Direttiva 2003/88/CE, concernente taluni aspetti dell’organizzazione dell’orario di lavoro, deve essere interpretato nel senso che esso osta ad una normativa nazionale secondo cui il lavoratore perde il diritto alle ferie annuali retribuite ed alla relativa indennità per quelle non godute, in maniera automatica e senza previa verifica di essere stato posto dal datore nelle condizioni di esercitarlo in modo effettivo, se non se ne avvale prima della cessazione del rapporto di lavoro.  

(Corte di Giustizia UE, Grande Sezione, sentenza 6 novembre 2018, C-619/16)

È quanto stabilito, in un peculiare caso, dalla CGUE nella sentenza EU:C:2018:872, C-619/16 del 6 novembre 2018. Questa massima è integrata dal principio enunciato nell’altra odierna analoga sentenza (EU:C:2018:874, C-648/16), relativa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.