POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 16 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

marchi e brevetti | 12 Giugno 2018

Contraffazione del marchio: giù le mani dal rosso Louboutin

Il marchio Louboutin non si riferisce ad una forma specifica di suola di scarpa con tacco alto, ma alla posizione del colore rosso sulla stessa. Ai sensi della direttiva dell’Unione, un marchio del genere non è costituito esclusivamente dalla forma, pertanto, qualora consista in un colore esso non rientra nel divieto di registrazione delle forme.

(Corte di Giustizia UE, Grande Sezione, sentenza 12 giugno 2018, causa C-163/16)

Così si è espressa la Corte di Giustizia con la sentenza di oggi, 12 giugno, nella causa C-163/18 (ECLI:EU:C:2018:4239).
La società Van Haren, che da tempo gestisce nei Paesi Bassi negozi di vendita al dettaglio di scarpe, nel 2012 ha venduto scarpe da donna con tacco alto dalla suola rossa, segno distintivo del marchio Louboutin.
Accusata di contraffazione dal Sig. Louboutin, la società si è difesa sostenendo la nullità del marchio in questione, in quanto in base alla direttiva dell’Unione sui marchi la registrazione riguarderebbe i segni costituiti esclusivamente dalla forma del prodotto.

È il colore a fare la differenza… Sul punto, la Corte di giustizia afferma che nella direttiva non esiste una definizione della nozione di forma, pertanto, il significato deve essergli attribuito sulla scorta del linguaggio corrente.
Per quanto riguarda il caso di Louboutin, il marchio non verte su una forma specifica di suola di scarpa con tacco alto, in quanto la descrizione dello stesso indica espressamente che il contorno della scarpa non fa parte del marchio, ma serve unicamente a mettere in evidenza la posizione del colore rosso cui si riferisce la registrazione, identificato, fra l’altro, da un codice riconosciuto a livello internazionale. È, dunque, evidente come la registrazione del marchio Louboutin sia volta proprio a tutelare l’applicazione di un colore su una parte specifica del prodotto.
Per tali motivi, la Corte di giustizia afferma che il marchio in oggetto non è costituito esclusivamente dalla forma e, in quanto consistente in un colore applicato sulla suola di una scarpa, non rientra nel divieto di registrazione delle forme.