POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

GDPR | 16 Aprile 2018

Oblio e Google. Cancellare il passato online per il condannato pentito

di Deborah Bianchi - Avvocato

Diritto all'oblio con l'avvento del GDPR 2016/679 significa sostanzialmente cancellazione. Cancellazione non per essere dimenticati, ma per non essere ricordati in modo non accurato o non aggiornato. Se il condannato ha espiato la propria colpa e se si tratta di piccoli reati la cancellazione può essere concessa.

Il caso. Si tratta della vicenda di un uomo di affari con precedenti penali che però adesso non appartengono più alla sua vita. La memoria della rete non perdona e il passato di questo signore è tutto ancora presente online nelle...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.