POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

legge Pinto | 11 Dicembre 2017

Illecito negare l’equo indennizzo a chi non si è potuto costituire parte civile per la giustizia lumaca

di Giulia Milizia

Le tutele previste dall’art. 6 Cedu si applicano indipendentemente dal riconoscimento dello status di parte in un processo penale, tanto più se in esso la vittima di un reato vuole proteggere un suo diritto di natura civile e l’esito della fase istruttoria è fondamentale per questa tutela. La CEDU è critica con la nostra prassi sul punto e ritiene l’equo indennizzo uno strumento efficace contro la giustizia lumaca.

È quanto deciso dalla CEDU sez. Arnoldi c. Italia (ric.35637/04) del 7/12/17. Il caso. Nel 1990 denunciò al sindaco ed alla polizia la vicina per aver costruito una canna fumaria sul muro del suo appartamento senza chiederle il permesso:...

Qui la sentenza CEDU sez. Arnoldi c. Italia, del 7 dicembre 2017 (ric. 35637/04)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.