POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 febbraio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

privacy | 02 Novembre 2017

Oblio e persona pubblica negli archivi dei giornali online

I criteri di bilanciamento della CEDU Fuchsmann c. Germania

di Deborah Bianchi - Avvocato

Nel contrasto tra oblio e archivi giornalistici online, la prevalenza tra diritti concorrenti quali quello alla vita privata e quello all'informazione/espressione si giudica grazie ai criteri di bilanciamento stabiliti dalla giurisprudenza delle Corti europee. La CEDU Fuchsmann c. Germania 19.10.2017 li ha vagliati per il caso di un privato con ruolo di persona pubblica. 

La Corte ha adottato i criteri seguenti: (a) contributo della notizia a un dibattito di interesse pubblico; (b) carattere di persona pubblica dell'interessato; (c) metodo per ottenere l'informazione e sua veridicità; (d) condotta preventiva...

Qui la sentenza CEDU del 19 ottobre 2017, caso Fuchsmann c. Germania

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.