POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 febbraio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

unioni civili | 26 Ottobre 2017

Unioni civili solo per coppie gay, astenersi coppie etero

di Giulia Milizia

La CEDU ha convalidato il rifiuto delle autorità austriache di far accedere una coppia etero al partenariato civile, escludendo una violazione dell’art.14 (divieto di discriminazione) in combinato con l’art.8 Cedu: le coppie etero godono della scelta tra nozze, precluse a quelle gay, e convivenza more uxorio. L’unione civile/partenariato, sostanzialmente simile al matrimonio, è l’unico modo che le coppie dello stesso sesso hanno di vedere riconosciuta legalmente la loro relazione.

È quanto sancito dalla CEDU sez. V nel caso Ratzenbock e Seydl c. Austria del 26/10/17 (nei factsheets: Sexual orientation), che de facto è una nuova fattispecie. Il caso. Sono una coppia etero, con una lunga e stabile convivenza...

Qui la sentenza CEDU deò 26 ottobre 2017, caso Ratzenbock e Seydl c. Austria

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.