POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 27 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

TRIBUNALE DI PRIMA ISTANZA | 21 Ottobre 2005

Infrastrutture senza scopo o progetti stravolti impongono la restituzione dei fondi europei

La quasi ventennale storia di una diga in Sicilia sul torrente Gibbesi che dall'attenzione delle cronache è passata a quelle dei giudici comunitari. Che confermano la decisione di Bruxelles: l'Italia deve restituire 39 milioni di euro

(Tribunale europeo di prima istanza, prima sezione ampliata, sentenza nella causa 60/03; pubblicata il 18 ottobre 2005)

Quando si ottengono finanziamenti comunitari - in questo caso del Fesr, il Fondo europeo per lo sviluppo regionale - finalizzati ad un progetto, ma poi il progetto stesso non viene completato (anzi, se ne cambiano gli obiettivi in corso d'opera, senza...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.