POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

elezioni | 05 Marzo 2021

Il CdM approva il d.l. che prevede il rinvio delle consultazioni elettorali causa COVID-19

di La Redazione

Il Decreto Legge approvato ieri dal Consiglio dei Ministri introduce le disposizioni urgenti in tema di differimento delle consultazioni elettorali per l’anno 2021, causa COVID-19, al fine di evitare assembramenti e assicurare lo svolgimento delle operazioni di voto in sicurezza per la salute dei cittadini.  

Il Consiglio dei Ministri si è riunito giovedì 4 marzo 2021 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Mario Draghi, approvando il d.l. che introduce disposizioni urgenti in tema di differimento delle consultazioni elettorali per l’anno 2021, causa COVID-19, al fine di evitare assembramenti e assicurare lo svolgimento delle operazioni di voto in sicurezza per la salute dei cittadini. Il decreto legge n. 25/2021 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'8 marzo 2021, n. 57.

Il testo del provvedimento dispone quindi che le elezioni 2021 si svolgano tra il 15 settembre ed il 15 ottobre di quest’anno.

 

Nello specifico, il rinvio riguarda:

 

- le elezioni dei consigli comunali e circoscrizionali tra il 15 aprile e il 15 giugno 2021 (per le quali è previsto che il numero minimo di sottoscrizioni richieste per la presentazione delle liste e candidature sia ridotto a un terzo);

- le elezioni suppletive per i seggi della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica dichiarati vacanti entro il 31 luglio 2021;

- le elezioni amministrative nei comuni i cui organi sono stati sciolti per fenomeni di infiltrazione mafiosa, anche se già indette, mediante integrale rinnovo del procedimento dì presentazione delle liste e delle candidature;

- le elezioni amministrative a seguito dell’annullamento delle elezioni degli organi delle amministrazioni comunali in alcune sezioni, anche se già indette;

- le elezioni amministrative nei comuni i cui organi devono essere rinnovati per motivi diversi dalla scadenza, se le condizioni che ne rendono necessario il rinnovo si verificano entro il 27 luglio 2021;

- le elezioni degli organi elettivi delle regioni a statuto ordinario, anche se già indette, e quelle relative agli organi elettivi per i quali entro il 31 luglio 2021 si verificano le condizioni che ne rendono necessario il rinnovo.

 

Infine, il decreto detta la disciplina dello svolgimento delle elezioni, previste su due giornate (domenica dalle ore 7 alle 23 e lunedì dalle ore 7 alle 15) e lo spoglio delle schede e dell’ordine dello scrutinio.

 



Qui il d.l. n. 25/2021; in G.U. dell'8 marzo 2021, n. 57