POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

Normativa covid | 04 Marzo 2021

Deve essere risarcito il commerciante all’ingrosso costretto a chiudere per erroneo provvedimento della Prefettura

di La Redazione

All’inizio del mese di aprile 2020, in piena emergenza sanitaria da COVID-19, la Prefettura di Napoli aveva intimato ad una società di commercio all’ingrosso di materiale elettrico la chiusura immediata, trascurando il fatto che tale attività rientrasse tra quelle consentite ai sensi del d.p.c.m. 22 marzo 2020. Il TAR Napoli ha dunque riconosciuto il diritto al risarcimento del danno subito.

(TAR Campania, sez. V, sentenza n. 789/21; depositata il 4 febbraio)

Così il TAR Napoli con la sentenza n. 789/21, depositata il 4 febbraio.   Una società chiedeva l’annullamento del provvedimento con cui la Prefettura, in applicazione del d.p.c.m. 22 marzo 2020, aveva disposto la sospensione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.