POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

Privacy | 02 Marzo 2021

Obbligo di “Pass vaccinali” per accedere nei locali: il no del Garante

di La Redazione

L’Autorità, richiamando l’attenzione dei decisori pubblici e degli operatori privati italiani sull’obbligo di rispettare la disciplina in materia di protezione dei dati personali, ha chiarito che sarebbe illegittimo l’utilizzo di app e pass destinati a distinguere i cittadini vaccinati dai cittadini non vaccinati.  

Il Garante della Privacy ha affrontato il tema riguardante la possibilità di trovare soluzioni, anche digitali, per rispondere all’esigenza di rendere l’informazione sull’essersi o meno vaccinati per poter accedere a determinati locali o usufruire di determinati servizi.

 

L’Autorità ha sottolineato che i dati relativi allo stato vaccinale sono dati delicati e il loro trattamento non corretto potrebbe essere causa di discriminazioni e di violazione delle libertà costituzionali.

 

Per questi motivi il Garante ritiene opportuno che: «il trattamento dei dati relativi allo stato vaccinale dei cittadini a fini di accesso a determinati locali o di fruizione di determinati servizi, debba essere oggetto di una norma di legge nazionale, conforme ai principi in materia di protezione dei dati personali (in particolare, quelli di proporzionalità, limitazione delle finalità e di minimizzazione dei dati), in modo da realizzare un equo bilanciamento tra l’interesse pubblico che si intende perseguire e l’interesse individuale alla riservatezza» e che «in assenza di tale eventuale base giuridica normativa, l’utilizzo in qualsiasi forma, da parte di soggetti pubblici e di soggetti privati fornitori di servizi destinati al pubblico, di app e pass destinati a distinguere i cittadini vaccinati dai cittadini non vaccinati è da considerarsi illegittimo».