POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

Normativa covid | 25 Febbraio 2021

Nella gestione dell’emergenza COVID-19 le Regioni non hanno poteri legislativi

di La Redazione

La Corte Costituzionale, riunitasi nella camera di consiglio del 24 febbraio 2021, ha accolto il ricorso del Governo contro la legge della Regione Valle d’Aosta n. 11 del 9 dicembre 2020 che prevedeva misure di contenimento del contagio da COVID-19 diverse da quelle statali.  

La legge della Regione Valle d’Aosta era già stata sospesa in via cautelare con l’ordinanza della Corte Costituzionale n. 4/2021. E ieri nella camera di consiglio la Consulta, esaminata nel merito la questione, ha accolto il ricorso del Governo.

 

In attesa del deposito delle motivazioni, l’Ufficio stampa della Corte ha comunicato che l’accoglimento del ricorso è stato accolto limitatamente alle disposizioni con le quali la legge impugnata ha introdotto misure di contrasto all’epidemia differenti da quelle previste dalla disciplina statale. Difatti «e il legislatore regionale, anche se dotato di autonomia speciale, non può invadere con una sua propria disciplina una materia avente ad oggetto la pandemia da COVID-19, diffusa a livello globale e perciò affidata interamente alla competenza legislativa esclusiva dello Stato, a titolo di profilassi internazionale».