POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 13 Gennaio 2021

Parere favorevole del Garante Privacy al call center Immuni

di La Redazione

Con apposito comunicato stampa, il Garante Privacy ha reso noto di aver dato il via libera allo schema di ordinanza volto a regolare il funzionamento e l’organizzazione del call center Immuni per dare supporto telefonico e telematico alle persone risultate positive al COVID-19.  

Il Garante per la protezione dei dati personali ha dato parere favorevole allo schema di ordinanza che disciplina l’organizzazione e il funzionamento del Servizio nazionale di supporto telefonico e telematico a tutte quelle persone che sono risultate positive al COVID-19.

 

In particolare, il Garante ha ritenuto che l’identificazione di coloro che chiamavano il call center e del loro stato di positività dovesse avvenire mediante apposito codice, il CUN (codice univoco nazionale del referto COVID), che individua in termini univoci il singolo referto nonché la persona ad esso associata con modalità protetta.

 

Ancora, l’Autorità ha chiesto che la piattaforma utilizzata per accedere al Sistema Tessera Sanitaria fosse realizzata con l’adozione di strumenti di sicurezza adeguati al rischio che presenta un trattamento dei dati così importante.

 

Infine, il Garante ha prescritto al Ministero della Salute dei controlli costanti circa l’attività del soggetto che gestisce il call center Immuni, per verificare il rispetto della privacy.

 

Ebbene, lo schema di ordinanza a cui il Garante Privacy ha dato il via libera concerne, tra le altre cose:

- le modalità con cui il call center avvierà la procedura di sblocco dell’app Immuni su richiesta dell’interessato risultato positivo al COVID-19 per inviare il messaggio di allerta ai suoi contatti;
- la procedura di trasmissione del CUN;
- le regole con cui le strutture sanitarie comunicano al Sistema Tessera Sanitaria l’esito del tampone;
- il tempo di conservazione dei dati raccolti.