POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 26 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

concorrenza e mercato | 07 Gennaio 2021

Esercizio dei diritti corporativi, pluralismo mediatico e libertà di stabilimento nella vicenda Vivendi c. Mediaset/AGCOM

di Vincenzo Iaia - Dottorando di ricerca in Diritto e Impresa presso la LUISS “Guido Carli”

Con la sentenza in epigrafe il TAR Lazio si è pronunciato sulla legittimità del rapporto intercorrente tra il principio di pluralismo mediatico ed esercizio dei diritti corporativi – segnatamente l’esercizio dei diritti di voto –, così come sancito dall’art. 43 del d.lgs. n. 177/2005 (Testo unico dei Servizi di Media Audiovisivi e Radiofonici, di seguito TUSMAR), rispetto alla libertà di stabilimento nel mercato unico europeo, di cui all’art. 49 del TFUE.  

(TAR Lazio, sez. III, sentenza n. 13958/20; depositata il 23 dicembre)

Così il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio con la sentenza n. 13958/20, pubblicata il 23 dicembre.   Il caso. La questione è sorta dalla delibera emessa dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.