POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 05 Gennaio 2021

Il Garante Privacy mette in guardia sui rischi del deepfake

di La Redazione

Si tratta di una tecnologia che, tramite software di intelligenza artificiale (AI), utilizza contenuti reali come immagini e audio per modificare o ricreare in modo estremamente realistico le caratteristiche e i movimenti di un volto o di un corpo e a imitare fedelmente una determinata voce.

Al fine di sensibilizzare gli utenti sui rischi connessi agli usi malevoli di questa nuova tecnologia, il Garante per la privacy ha diffuso un apposito vademecum. Si tratta infatti di software che, tramite l’intelligenza artificiale (AI) ed utilizzando contenuti reali come immagini e audio, modificano o ricreano in modo estremamente realistico le caratteristiche e i movimenti di un volto o di un corpo, potendo anche imitare fedelmente una determinata voce. I rischi legati a tale tecnologia sono sempre più frequenti anche a causa della diffusione di app e software molto sofisticati.



Qui la scheda informativa del Garante Privacy